top of page
  • Writer's picturecristina molinari

Innamorarsi del processo.



Nella vita di un atleta professionista, ma anche di uno sportivo amatoriale, il processo deve essere il focus principale di attenzione, mentre il risultato deve essere considerato come la naturale conseguenza del processo.


Sebbene possa sembrare controintuitivo, è un approccio che utilizziamo ogni giorno per molte delle azioni che compiamo e dei risultati che otteniamo.


Immagina insieme a me, è ora di pranzo, questa mattina ti sei allenato duramente e hai fame: il risultato che vuoi ottenere è quello di saziarti.

Il processo per ottenere quel risultato è cucinare, o ordinare il pranzo, o uscire a pranzo.

A meno che tu abbia 6 anni, nel qual caso rimarrai focalizzato sul risultato chiedendo a gran voce alla mamma di cucinare per te, in modo molto naturale, sceglierai qual è il processo migliore rispetto alle tue esigenze e al contesto e sposterai il tuo focus dal risultato al processo, preparando il tuo pranzo, o ordinandolo o recandoti in un ristorante.


Sei d'accordo con me che continuare a focalizzarti sul risultato (=saziarti) e non sul processo sarebbe fallimentare?


Bene, in campo valo lo stesso meccanismo, tuttavia spesso sento frasi del tipo "oggi vinco, penso solo a questo!" oppure (peggio) "oggi non posso perdere, penso solo a questo!" e molte altre sfumature di questo stesso concetto.


Il processo è formato da vari passaggi, collegati tra loro e sequenziali.


E’ come se l'atleta scrivesse una lista e lavorasse costantemente per spuntare una casella alla volta.


Per un giocatore ossessionato dall’obiettivo, ansia ed incertezza pregiudicano inevitabilmente la preparazione.


Un approccio migliore, più intelligente e anche più piacevole al raggiungimento di grandi obiettivi inizia con il focus sul processo.


Ma in cosa consiste per un giocatore focalizzarsi sul processo?


  • Fare il riscaldamento completo, non solo i minuti precedenti la gara, che spesso vengono sottovalutati dai giocatori non professionisti, ma accertarsi di aver riscaldato e preparato allo sforzo tutti i muscoli nel modo corretto.

  • Ha una routine pre partita. Non passa il tempo che precede la partita ad agitarsi, guardando le altre partite del torneo, commentando con il compagno le partite in corso o paventando scenari più o meno difficili o esageratamente semplici, perché ha una serie di azioni da compiere per prepararsi.


  • Si concentra e applica le tecniche necessarie per eliminare ogni ansia

  • Ripassa mentalmente la sua strategia di gioco


Per un giocatore orientato esclusivamente al risultato, che ha in mente solo “vincere”, il processo può sembrare un'inutile perdita di tempo.


Ma la sola volontà di vincere non basta ad ottenere il risultato. L


e migliori prestazioni sono basate sulla cura dei dettagli e non sull'ossessione per il risultato.


Ma come si costruisce un processo che possa dare fiducia ed essere realmente utile?


La costruzione del processo è un dei pilastri del mio lavoro con gli atleti, ed è bene che sia fatta nel migliore dei modi, quindi ti suggerisco di lavorarci con un professionista, ma se ti sei incuriosito leggendo l'articolo, ecco alcuni punti base per sviluppare il tuo processo.


1. Tuo il processo, tuo il controllo

Non puoi controllare ciò che fanno o faranno gli altri e non puoi avere il controllo su eventi imprevedibili.

Dunque il tuo processo deve includere solo ciò che puoi controllare, ecco alcuni esempi: impegno, mentalità, la preparazione, la nutrizione, abitudini di sonno.


2. L'allenamento è parte del processo

La partita, il torneo, è una parte della stagione, ma non è tutta la stagione.

Non puoi ottenere risultati in gara se non affronti ogni allenamento con la stessa concentrazione e serietà.


3. Il Padel è parte della tua vita

Il processo non riguarda soltanto il tempo che trascorri in campo.

Se il tuo obiettivo sono i risultati, ogni aspetto della tua vita deve essere inserito nel processo.

A che pro ti alleni duramente se poi entri nel primo fast food aperto e dormi 4 ore ogni notte?

4. Il prossimo passo

Concentrati su cose che puoi controllare.

Evita le complicazioni, e focalizzati sulle cose semplici che sei davvero in grado di "spuntare dalla tua lista."

  • Sii puntuale agli allenamenti

  • Concentrati sul dettagli e passa al successivo solo quando hai padronanza del precedente

  • Cura i fondamentali (Velasco docet)


È tutto qui. Sul serio.


Il grande vantaggio di un processo semplice e controllabile è che ti sentirai in ogni caso soddisfatto perché hai fatto tutto ciò che puoi fare.



1 view0 comments
bottom of page